Artisti


Vi presentiamo le compagnie e gli artisti presenti a SEGNI New Generetions Festival 2017!
La sezione è in continuo aggiornamento.
 

ASSOCIAZIONE 0432, SCARLATTINETEATRO - CAMPSIRAGO RESIDENZA
L’associazione culturale 0432 opera nel campo delle attività educative rivolte all’infanzia, realizzando percorsi per adulti e bambini in cui si intrecciano differenti linguaggi tra cui la narrazione, l’espressione corporea, la musica, il contatto con la natura.
ScarlattineTeatro, compagnia del progetto Campsirago Residenza, cerca un modo sempre nuovo di fare arte, muovendosi su un territorio di contaminazione tra diversi linguaggi per rompere le barriere tra teatro, performance, danza, musica e immagine. Lo spettatore è un compagno di viaggio, da coinvolgere per dare senso al suo fare teatro.
 
BONTEHOND
La compagnia BonteHond rende audace e accessibile il teatro ad un pubblico giovane o che si sente ancora giovane. Lo fanno perché ritengono importante che i bambini mantengano una visione aperta del mondo: vorrebbero persuaderli ad astenersi dal diventare “troppo” maturi perché solo così si può ottenere un mondo migliore.
Sarebbe così terribile se guardassimo gli altri e il mondo con curiosità? Avremmo meno paura di tutto ciò che è diverso o strano.
BonteHond è ovunque: nei teatri, nelle scuole, nei festival e in loco con spettacoli, attività di servizio educativo, spettacoli educativi e incontri teatrali.
Sotto la supervisione artistica di René Geerlings, da Almere i BonteHond viaggiano attraversano l’Olanda e il Belgio. René Geerlings, leader artistico, è conosciuto per spettacoli di teatro giovanile notevoli e accessibili; ha la capacità di vedere cose, che non sono così evidenti agli adulti, come qualcosa di speciale.
BonteHond ha guadagnato un’estesa esperienza turistica fin dal 2005, anno della loro fondazione. Ad oggi mantengono una media di 6 produzioni annuali e continuano nel loro tour in vari luoghi e Paesi.
 
BOTTEGA DEGLI APOCRIFI
Bottega degli Apocrifi nasce nel 2001 a Bologna e nel 2004 si trasferisce a Manfredonia con l’obiettivo politico di coltivare il deserto.
Accanto agli spettacoli, realizza Progetti Speciali tra formazione e produzione che coinvolgono differenti fasce della Comunità.
Nel 2010 vince il "premio Eolo Awards come migliore novità 2011",  il "Premio Rosa d'oro 2010" del Festival internazionale di teatro ragazzi di Padova, il  Premio "Uccellino Azzurro 2011" del Festival "ti Fiabo e ti Racconto" col suo primo spettacolo di Teatro Ragazzi, "Nel Bosco Addormentato", per la regia di Cosimo Severo.
 
COLLECTIF AÏE AÏE AÏE
Oltre ad essere il suono del dramma che sta per accadere, AÏE AÏE AÏE (che significa "Oh caro") è il nome di un'associazione fondata nel 2002 per produrre un lavoro creativo nel campo delle arti dello spettacolo. AÏE AÏE AÏE è un laboratorio di scrittura animato da un gruppo di artisti curiosi di tutte le forme di creazione (teatro, musica elettronica, lirica, poesie sonore, oggetti manipolati...) rivolti ad un ampio pubblico non mirato. È un collettivo di registi di attori che attualmente riunisce l'opera degli artisti Julien Mellano, Justine Curatolo e Charlotte Blin.
 
FACTORY COMPAGNIA TRANSADRIATICA / TIR DANZA
Factory svolge attività di produzione di spettacoli, realizzazione di rassegne, progetti internazionali e di teatro all’interno del carcere di Lecce.
Nel 2011, 2012 e 2015 produce la trilogia shakespeariana con SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE, ROMEO E GIULIETTA e LA BISBETICA DOMATA.
Gli spettacoli hanno fatto lunghe tournée in Italia e all'estero, come CENERENTOLA spettacolo di teatro- danza tout public col quale la compagnia è ospite al Fringe Festival di Edimburgo e in altri Paesi.
DIARIO DI UN BRUTTO ANATROCCOLO è la nuova produzione della compagnia co-prodotto con TIR danza.
 
IL TEATRO DEL PICCIONE
Il teatro del piccione si occupa di teatro per ragazzi e per tutti; lo fa attraverso la creazione e produzione di spettacoli, l’organizzazione di rassegne, la promozione della pratica teatrale tramite attività educative e formative.
L'infanzia non è solo interlocutore privilegiato ma anche e soprattutto un luogo poetico. Guardare all'infanzia è guardare all'umanità che cresce, che ci fa da specchio e ci interroga e si affida a noi. Porta in sé il segno di ogni inizio e di ogni trasformazione.
Scegliere un'arte a misura di bambino significa coltivare uno sguardo.
Non aver paura di attingere al profondo, al tutto possibile, al cuore, al buio, alla gioia, allo straordinario, agli affetti, al gioco, al mistero della poesia. Disporsi allo stupore. Coltivare la semplicità e la bellezza. Fuggire la banalità.
Saper parlare a tutti e, quindi, anche ai più piccoli. Saper parlare ai più piccoli e, quindi, a tutti.
Il Teatro del Piccione è un gruppo di artisti indipendenti che condividono una passione, una spinta etica, una poetica, una direzione. Per questo si uniscono a fondare una compagnia teatrale, come gruppo di lavoro e di studio permanente.
E' un'idea da abitare, una strada da cercare. E' uno stormo di uccelli in migrazione.
 
LE CIRQUE INACHEVE
Le Cirque Inachevé è stato creato nel 2007 da Antoine Clée e Thomas Dequidt, intorno al desiderio di dare una dimensione più personale alla giocoleria che permette a loro di lasciare esprimere un vocabolario di movimento.
Cercano anche di iniettare un componente teatrale nella loro pratica, basato sul muto, sulla loro relazione con l'assurdo e sul clown.
Le Cirque Inachevé è nato dal desiderio di miscelazione, di pluridisciplinarità che permette di arricchire la loro pratica artistica dandogli diversi aspetti.
 
LE STANZE SEGRETE DI S.
Punto d’incontro tra arti visive, teatro d’ombre e performance, Le Stanze Segrete di S. si dedicano alla creazione di esperienze sensoriali (o Stanze) tramite l’utilizzo di soluzioni tecniche ridotte al minimo. Le Stanze vogliono coinvolgere lo spettatore in prima persona (definito in questo caso Ospite) inducendolo a creare un proprio percorso mentale mentre la narrazione si sviluppa sotto i suoi occhi. Partendo da un nucleo narrativo iniziale, viene lasciata libera interpretazione della storia agli Ospiti.
Le Stanze Segrete di S. sono il risultato di un lavoro collettivo. Dietro al lettera S. si nascondono tutti gli Autori ed i Collaboratori che rendono di volta in volta possibile il progetto.

LUNA E GNAC TEATRO
Luna e GNAC Teatro è una compagnia teatrale di Bergamo fondata nel 2008 da Michele Eynard (attore, regista e fumettista ) e Federica Molteni (attrice, formatrice teatrale ed appassionata lettrice, esperta di letteratura per l’infanzia). Luna e GNAC Teatro si caratterizza per il suo linguaggio fisico e visuale insieme, che mischia il teatro con il fumetto, e per la predilezione per il genere comico. L’incontro con la drammaturga e regista Carmen Pellegrinelli ha dato profondità e spessore alla nostra ricerca, indirizzandola verso la nuova drammaturgia e l’impegno civile, sempre con un tocco leggero e poetico e il gusto per l’ironia che ci contraddistingue.
 
MTM – Manifatture Teatrali Milanesi
Nel 2015 MTM nasce dall’unione delle attività quarantennali della Fondazione Palazzo Litta per le Arti onlus, che gestiva le attività del Teatro Litta, con quelle della Cooperativa Quelli di Grock, generando un nuovo progetto artistico denominato Manifatture Teatrali Milanesi, riconosciuto quale Centro di Produzione Teatrale dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.
Fra le numerose attività di produzione di spettacoli, viene prestata grande attenzione alla produzione di spettacoli per le nuove generazioni, con particolare riguardo alla fascia adolescenziale, in continuità con tutta l’attività svolta da Quelli di Grock e il repertorio divenuto parte del repertorio di MTM.
Il dipartimento degli spettacoli per ragazzi presta grande cura ai temi sociali, mantenendo in repertorio spettacoli quali Io me ne frego! (sul bullismo), Kome un kiodo nella testa (sulle dipendenze), Senzacoda e Fuori misura (sul sentirsi “diversi”), L’arte della menzogna (sulla difficoltà di affermare la propria personalità), creando per ogni spettacolo dei kit didattici, per la preparazione in classe alla visione e per il lavoro post-spettacolo, molto apprezzati dalle insegnanti.
 
TEATRO ALL’IMPROVVISO
Il Teatro all’improvviso nasce nel 1978.
Muove i primi passi nel teatro popolare e nella Commedia dell’arte; nella sua forma attuale, l’immagine, la poesia e il gesto sono gli elementi portanti della ricerca.
Il Teatro all’improvviso ha esclusivamente prodotto spettacoli destinati ai bambini dai 3 ai 10 anni, cercando soprattutto di stimolare il pensiero e le emozioni; il gioco e l’astrazione.
Contro un teatro pedagogico e didattico, per un teatro che affronti qualsiasi forma d’arte, senza necessariamente istruire o formare, ma piuttosto spiazzare, coinvolgere e provocare.
 
TEATRO DEL BURATTO
Nato nel 1975, il Teatro del Buratto è uno dei primi centri di teatro per ragazzi riconosciuti a livello nazionale. Ha da sempre orientato la produzione con un'attenzione particolare al momento musicale, all'aspetto pittorico, grafico e di immagine, nella direzione di un “teatro totale", dove alle consuete tecniche d'attore, che fanno uso di linguaggi verbali e gestuali, si accompagna una ricerca nel teatro d'animazione (pupazzi, oggetti, forme) secondo le tecniche più diverse: teatro su nero, pupazzo indossato… Al lavoro di produzione si affianca un'intensa attività di ospitalità che si svolge al Teatro del Buratto a Maciachini, primo centro dedicato all’infanzia e l’adolescenza del territorio lombardo e presso il Teatro Verdi, storica sala milanese. Il Buratto inoltre organizza IF, l’unico Festival Internazionale di Teatro di Immagine e Figura che ottiene un significativo riscontro della critica specializzata e un grande successo di pubblico. Coordina le attività di Bì – la Fabbrica del Gioco e delle Arti, a Cormano, sperimentando, all’interno di un grande spazio multifunzionale, un progetto di stabilità per le attività culturali e artistiche dedicate esclusivamente ai bambini, all’infanzia, alle famiglie e ai giovani.

TEATRO DISTINTO
Teatrodistinto nasce nel 2003 dall’incontro di percorsi formativi complementari, che spaziano dal lavoro artistico finalizzato alla produzione scenica, fino a giungere al lavoro in ambito sociale, dove il linguaggio teatrale diventa strumento di riflessione e crescita.
Realizza laboratori di ricerca espressiva per giovani e adulti, nell’ambito di centri, scuole, associazioni, ponendo forte accento sull’istinto creativo dell’individuo. I percorsi formativi di sperimentazione prediligono l’espressione corporea e la gestualità.
Dal 2006 produce spettacoli per l’infanzia, ed è presente nelle principali rassegne e festival di teatro ragazzi.
Nel 2008 vince il Premio per miglior spettacolo di innovazione al Festival “Immagini dell’interno” ed è finalista a "Premio Scenario Infanzia" con lo spettacolo Kish-Kush.
Nel 2012 vince di nuovo il primo premio al festival “Immagini dell’interno” con lo spettacolo La Pecora Nera
Nel 2013 lo spettacolo Il gioco del lupo debutta al Festival Assitej “Giocateatro” di Torino e viene premiato come miglior spettacolo.
Dal 2008 la compagnia partecipa con le sue produzioni ai principali festival europei ed internazionali di teatro per ragazzi e di figura.
Dal punto di vista creativo, Teatrodistinto predilige un registro scarno ed allusivo, sia negli allestimenti che nella scrittura scenica.
 
TEATRO GIOCO VITA
Teatro Gioco Vita (direzione artistica Diego Maj) nasce nel 1971 dall’esperienza dell’animazione teatrale e con il suo modo peculiare di fare, di intendere e di vivere il teatro ha dato un contributo originale alla nascita del teatro ragazzi. Teatro Gioco Vita incontra il teatro d’ombre alla fine degli anni Settanta. Dal suo operare con coerenza e coscienza professionale, e anche grazie al contributo di collaboratori esterni, ha maturato un’esperienza unica nel suo genere che gli è valsa riconoscimenti e prestigiose collaborazioni in ogni parte del mondo. La Compagnia, con Fabrizio Montecchi in qualità di responsabile artistico, è impegnata oltre che nella produzione di spettacoli, anche in attività di laboratorio con le scuole e i giovani.
Teatro Gioco Vita affianca l’attività sul territorio di Piacenza e provincia (direzione artistica e organizzativa della Stagione di Prosa del Teatro Municipale di Piacenza, organizzazione di rassegne teatrali e altri eventi culturali, ospitalità, laboratori, formazione) ad una dimensione sempre più internazionale che ha portato i suoi spettacoli di teatro d’ombre ad essere rappresentati, oltre che in Europa, negli Stati Uniti, in Brasile, Messico, Canada, Giappone, Cina, Israele, Taiwan e Turchia.
 
TEATRO KOREJA
Koreja nasce più di 30 anni fa ad Aradeo, un paesino in provincia di Lecce.
Nel 1999 la cooperativa Koreja sposta la propria sede a Lecce nella periferia della città, quartiere Borgo Pace. Qui compra e ristruttura una ex fabbrica di mattoni, facendola diventare un luogo europeo accogliente e funzionale, una vera casa del teatro: i Cantieri Teatrali Koreja. Dal 2003 è riconosciuta dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali come Teatro Stabile d’Innovazione del Salento unico in Puglia per la ricerca e la sperimentazione. Nel 2015 è riconosciuta dal Ministero per i Beni e le attività Culturali come Centro di produzione, di sperimentazione e di teatro per l’infanzia e la gioventù.
Quello di Koreja è un progetto ad ampio raggio che vive dentro e fuori i Cantieri Teatrali in un continuo viaggio di andata e ritorno attraverso: produzione di spettacoli teatrali che nascono all'interno dei Cantieri e che si misurano con il pubblico più ampio (ragazzi, giovani e adulti) in occasione delle tournée (in Italia e anche tanto all’Estero); ospitalità di compagnie ed artisti, incontri culturali, mostre, installazioni, prove aperte che da qualche anno raccogliamo all'interno di Strade Maestre; attività di formazione teatrale rivolta soprattutto ai giovani ed ai soggetti svantaggiati; dialogo permanentemente aperto con il pubblico e con le istituzioni.
 
TEATRO TELAIO
Dal 1979 Teatro Telaio svolge a Brescia la sua attività con la convinzione che il teatro ragazzi non sia una forma di teatro semplice e meno impegnativa, ma richieda una sensibilità specifica forse maggiore rispetto al  teatro tout court. Ecco perché collabora molto con le scuole, da cui trae ispirazione per produrre i suoi spettacoli, e organizzare le sue rassegne. Il Telaio predilige gli aspetti poetici e surreali, anche nel caso in cui si affrontino tematiche di valore didattico. Negli ultimi anni sta indagando con più attenzione le varie forme di teatro non verbale. Da qui nascono le sue ultime produzioni, apprezzate in Italia e all’estero.
 
TJP Centre Dramatique National d’Alsace
Un burattinaio e un laureato della scuola di puppetry di Charleville-Mézières, Renaud Herbin ha governato per lungo tempo la società LàOù.
Ha organizzato molti spettacoli visivi e sonori, spesso basati su teatri o letterature. Renaud Herbin ha sempre amato lavorare con altri artisti le cui influenze hanno alterato la sua pratica di burattinaia. E 'stato a capo del TJP - CDN Alsace-Strasburgo dal 2012. Qui ha sviluppato la nozione di una relazione tra il corpo, l'oggetto e le immagini, cancellando le pareti divisorie tra il burattino e l'uso della materia prima collegando Entrambi questi ultimi con i campi della coreografia e delle arti visive. Il suo progetto ha attratto molti artisti tra cui Bérangère Vantusso e Aurélien Bory.