L'uomo coniglio e la donna cerbiatto - Ma biche et mon lapin

Venerdì 3 novembre Desiree MaccariElisa RestaniLorenzo Pagliari e Niccolò Doro dell'Istituto Bonomi di Mantova hanno assistito allo spettacolo Ma biche et mon lapin del Collectif Aïe Aïe
Ognuno ne ha scritto una breve critica, raccontando le impressioni che questo spettacolo senza parole ha lasciato loro...


  Questo spettacolo anche se muto ha trasmesso più emozioni di quanto appunto possa trasmettere uno spettacolo con parlato.
L'ho trovato molto simpatico e adatto a qualsiasi tipo di pubblico, tranne forse i bambini, perché era difficile e complicato in alcuni punti e poteva risultare incomprensibile per spettatori piccoli.
L'utilizzo di oggetti quotidiani, normali è stato incredibile: questi avevano funzioni diverse e gli attori sono riusciti a sfruttarli al meglio. Le case ad esempio avevano diverse funzioni sonore e visive e gli oggetti come il coltello e il tovagliolo non svolgevano appunto le stesse funzioni di sempre ma avevano un'altra funzione: rappresentavano infatti degli esseri umani.
Il pubblico era coinvolto e si è divertito molto durante lo spettacolo.
Il collettivo francese ha avuto davvero una bella idea, che funzionava bene perché tutti e due gli attori erano perfettamente sincronizzati e gli oggetti usati per creare le storie avevano funzioni spettacolari che hanno immerso ogni spettatore nei diversi racconti.

Lorenzo Pagliari