NABUZARDAN - XX EDIZIONE

10 FEBBRAIO - PALAZZO TE

Il 2018 è un anno importante per il Nabuzardan che compie vent’anni: appuntamento atteso, entrato nella tradizione culturale della città, per tutti questa parola, Nabuzardan, dal suono un bizzarro è ormai sinonimo di Carnevale da vivere nella villa giuliesca, luogo destinato al tempo libero e allo svago fin dai tempi del duca Federico II.
L’evento ideato come itinerante attraverso le sale di Palazzo Te, animate da diverse performance che si ripetono ad intervalli regolari, deve la sua paternità all’artista Dario Morettiospite speciale di questa XX edizione - e dal 2008 è organizzato da Segni d’infanzia. L’associazione ha conservato la natura dell’evento, facendone occasione privilegiata per avvicinare i più piccoli all’arte, puntando su contenuti che valorizzassero sempre più il luogo d’arte e la sua storia, creando anche progetti ad hoc in occasione di mostre ospitate dal Palazzo, come quella di Mirò nel 2015 o il Banchetto degli dei nel 2016.
Sabato 10 febbraio, a partire dalle 15:30, torna – grazie al sostegno del Comune di Mantova che ha sempre creduto nella qualità del progetto – un’altra imperdibile edizione del Carnevale a Palazzo Te. Ad esibirsi alcuni artisti del Circo Paniko, collettivo di fama internazionale, che propongono suggestivi numeri, sul filo dell’equilibro, carichi di energia e dall’atmosfera surreale.
Ospite d'onore in occasione dei vent’anni del Nabuzardan, nella Camera dei Venti, è Dario Moretti.
In Sala Cavalli c’è Federico Bassi, in arte Fefè, l’acrobata sulla Luna - leggerissima struttura basculante - che esegue virtuosismi sul filo accompagnato dal musicista Carlo Coppadoro. Poetico e strabiliante.
Nella Camera di Sole e Luna, Fidelio è un personaggio a metà fra un DJ e un giocoliere che manipola vinili, cappelli e spettatori ad un ritmo entusiasmante. Qui a fare acrobazie sono i suoni prodotti e mixati con la voce attraverso la tecnica del beatbox.
Ceciuz, come un personaggio mitologico metà donna metà serpente, si arrotola e srotola dal palo cinese in una danza ipnotica nella Camera degli stucchi.
Mentre per soddisfare grandi e bambini con un trucco originale ci sono le due immancabili postazioni con le truccatrici Annalisa Belladelli, Alice e Beatrice Ancelotti, presso la Camera degli Imperatori e il Camerino delle Grottesche. 
Sul prato erboso dell’Esedra è possibile ammirare l’installazione artistica composta dalle bici mascherate da animali fantastici costruite nella Ciclofficina di Valletta Valsecchi che arrivano a Palazzo Te dopo aver percorso diverse vie della città sfilando in una colorata parata carnascialesca.
 
INGRESSO NABUZARDAN
 
Al Nabuzardan si accede con biglietto in prevendita presso Segni d’infanzia oppure acquistandolo direttamente sul luogo, presso la biglietteria di Palazzo Te dalle 15:30 alle 17:45.

Costo biglietto: euro 1,00 fino a 11 anni - euro 5,00 dai 12 anni in su.
Servizio di prevendita attivo da mercoledì 7 febbraio.
Info: 0376.1511955 – segreteria@segnidinfanzia.org - www.segnidinfanzia.org          
É possibile accedere gratuitamente al Nabuzardan partecipando alla Parata di bici mascherate.