test

Spunti(ni) Critici: Piccoli Eroi e Little Bang

Al primo appuntamento con gli Spunti(ni) Critici si è parlato di Piccoli Eroi del Teatro del Piccione e Little Bang di Riserva Canini Teatro e Campsirago Residenza.

 
Due spettacoli con temi diversi, che si rivolgono a spettatori diversi, il primo è infatti per adolescenti mentre il secondo per bambini dai 4 ai 10 anni, Piccoli Eroi parla di migrazione mentre Little Bang di Big Bang… nonostante tutto hanno però molto in comune!
Con Maddalena Giovannelli e Francesca Serrazanetti di Stratagemmi, nell’affascinante cornice della Loggia del Grano, in attesa di un bicchiere di Lambrusco, si è chiacchierato con il pubblico, i registi e gli attori degli spettacoli, perché il Teatro deve essere anche incontro al di fuori di una sala buia.

Parola chiave è il coinvolgimento del pubblico: in Piccoli Eroi alcuni spettatori vengono fatti entrare direttamente sulla scena e partecipano attivamente all’azione scenica, mentre in Little Bang sono i piccoli spett-artisti ad essere chiamati nel processo di creazione e ideazione attraverso laboratori realizzati molto prima dello spettacolo. In comune quindi c’è il confronto diretto con il pubblico che ha partecipato numeroso anche al primo degli Spunti(ni), apprezzando la possibilità di scambiarsi idee, dubbi e visioni.
Da un lato con Piccoli Eroi si è approfondito il tema del viaggio, della partenza e della crescita: iniziare un cammino non è solo andare via da casa propria, ma anche e soprattutto imparare ad ascoltarsi. Dall’altro con Little Bang si parla sempre di crescere e di prendere coscienza: sono infatti gli adulti che, sedendosi a un tavolo con i bambini per parlare della nascita dell’Universo, hanno “abbassato le armi” facendo capire ai piccoli che ad alcune domande nessuno ha una risposta.
Spettacoli in cui sono più le domande a contare insomma… e anche durante lo Spunti(no) non sono mancate!
Nessuno dovrà tornare a casa con… la critica in gola! 

Camilla Fava