Un amore muto - Ma biche et mon lapin

Venerdì 3 novembre Desiree Maccari, Elisa Restani, Lorenzo Pagliari e Niccolò Doro dell'Istituto Bonomi di Mantova hanno assistito allo spettacolo Ma biche et mon lapin del Collectif Aïe Aïe
Ognuno ne ha scritto una breve critica, raccontando le impressioni che questo spettacolo senza parole ha lasciato loro...

 
Uno spettacolo molto insolito e curioso.
La sceneggiatura semplice ma allo stesso tempo complessa, un insieme di musiche e oggetti che permettono al pubblico di interpretare a modo suo la storia raccontata.
Un racconto molto coinvolgente e attuale nonostante fosse muto, i due protagonisti erano molto coordinati e emotivamente coinvolti nello spettacolo rendendo ma bische et mon lapin  molto realistico.
Il pubblico interagiva ed era divertito dalle scene create, in questo caso viene rappresentato il rapporto e le varie situazioni che si possono creare in diverse coppie innamorate in modo ridicolo e spiritoso.
Mi ha colpito molto la fantasia degli oggetti utilizzati comparati alla realtà come ad esempio l’originalità di esprimere il rapporto sessuale tramite un tovagliolo e un portatovagliolo oppure il cigolio del letto tramite delle casse.
 
Desiree Maccari