Un linguaggio universale - Kish Kush, tracce di un incontro

Desiree Maccari, Elisa Restani, Lorenzo Pagliari e Niccolò Doro dell'Istituto Superiore Bonomi Mazzolari raccontano le loro impressioni sullo spettacolo Kish-Kush - tracce di un incontro di Teatrodistinto, visto a Segni New Generations Festival domenica 5 novembre alle ore 10.00 nella sala dell'Atrio degli Arcieri di Palazzo Ducale

 
Lo spettacolo è stato molto coinvolgente ed emozionante sia per gli adulti in sala che per i più piccoli. 
Gli attori in scena, Giuseppe Palsciano e Andrea Polia, sono riusciti a trasmettere emozioni profonde, incuriosendo il pubblico, ma allo stesso tempo divertendolo. 
Inizialmente lo spettacolo gioca sulla suspence, perché non si può vedere tutta la scena e una parte degli spettatori inizia a conoscere il mondo di uno dei due protagonisti, mentre l'altra parte del pubblico l'altro.
La scena infatti è divisa in due da un telo bianco. 
Kish-Kush è stato uno spettacolo molto bello perché, ancora prima di squarciare il telo, i protagonisti hanno messo a confronto i loro mondi, anche senza capirsi a parole.
Il confronto tra le loro culture e le loro diversità non gli hanno impedito di comunicare attraverso i gesti e gli oggetti che permettono di entrare in comunicazione, che sono un linguaggio universale.

Desiree Maccari, Elisa Restani, Lorenzo Pagliari e Niccolò Doro